Sei qui: HomeComuni della TusciaCaprarola

Caprarola

Adagiata sul versante orientale dei Monti Cimini, Caprarola, è sormontata dall’antico e maestoso palazzo-fortezza, fatto costruire dalla potente famiglia Farnese nel XV secolo.

Sono pervenute ai nostri giorni resti di tombe etrusco-romane, ma anche ben più antichi, come le palafitte dell’età preistorica nel lago di Vico; ma è con la nascita della confraternita “Della Croce e Disciplina” nel 1223 che abbiamo le prime notizie su questo affascinante borgo.

 

Caprarola nel corso dei secoli fu governata, soggiogata e organizzata da varie nobili famiglie che si susseguirono negli anni, almeno fino al 1435, quando tornò definitivamente sotto la giurisdizione della Santa Sede.
Nel 1504, Caprarola venne acquistata dal Cardinale Alessandro Farnese che in futuro diverrà Papa Paolo III.
Iniziò cosi, la costruzione dell’imponente palazzo Farnese, in questi anni, questo piccolo borgo ebbe una rinascita, divenne un centro delle arti e di quadri d’autori, almeno fino al 1649, quando tornò sotto la giurisdizione diretta della Camera Apostolica, subendo, come del resto l’intera Tuscia, un decadimento sostanziale.

Oggi Caprarola si basa principalmente su un economia agricola, nello specifico di marroni e nocciole di cui fra i comuni del centro Italia è il maggior produttore e a cui viene dedicata una spettacolare festa paesana: “La Sagra della Nocciola” culminata anche dalla presenza di carri folcloristici, anche per questo, oggi giorno è uno dei paesi più ricchi della Tuscia.

Per gli amanti della natura incontaminata ma tranquilla e frizzante, Caprarola offre un paesaggio incantevole incorniciato dal Lago di Vico e dai Monti Cimini, da ammirare in bicicletta,a piedi o anche in canoa.

Caprarola, però non ha solo bellezze naturali, ma anche architettoniche e storiche, come ad esempio il gia citato Palazzo Farnese che da lustro alla città e ai suoi cittadini, in quanto è il miglior esempio di architettura manieristica tardo rinascimentale in Italia.
Fu progettato dal Sangallo e terminato sotto la direzione del grande Vignola fra il 1559 e il 1583.

Palazzo Farnese, è il fulcro di un complesso ben più vasto che comprende anche i Giardini Bassi, i Giardini Alti e la Palazzina del Piacere.

La Palazzina del Piacere è stata a lungo la residenza estiva ai tempi di Enaudi, del Presidente della Repubblica, e attualmente punto di riferimento per il Principe Carlo.

Altra importante costruzione è costituita dalla Chiesa di Santa Teresa, d’impronta barocca ma dagli interni semplici, vanta al suo interno numerose opere d’arte fra cui una tela di Guido Reni; venne costruita sotto la direzione dell’architetto Girolamo Rainaldi.

Scroll to Top