Sei qui: HomeComuni della TusciaValentano

Valentano

Questo piccolo ma grazioso paese si erge sul fianco occidentale del cratere vulcanico, donando ai suoi abitanti uno splendido panorama sul lago di Bolsena.
Non si hanno notizie o reperti rilevanti di questa cittadina almeno fino alla seconda metà del trecento quando venne ceduta dalla chiesa alla famiglia Farnese; ed è con questa famiglia che Valentano tornò a nuova vita consolidatasi poi, successivamente con l’ascesa al pontificio di Paolo III.

 

I Farnese costruirono proprio a Valentano la Rocca dei Farnese che, insieme al campanile a cuspide da un fascino tutto fiabesco all’antico borgo.
La Rocca Farnese edificata sopra i resti di un antico castello medievale ha il vanto di custodire al suo interno un elegante giardino quattrocentesco che circonda con grazia le preziosissime sale interne, ora adibite per attività culturali e sociali, in una di queste stanze è possibile ammirare un dipinto del 1750 raffigurante la Scala Santa.

Quest’edificio inoltre, ospita al suo interno il Museo della preistoria nella Tuscia e della famiglia Farnese e può vantare diverse sale d’esposizione con reperti risalenti fino al paleolitico e all’età del ferro per arrivare alle preziose ceramiche medievali e rinascimentali che adornavano fin dalle epoche più antiche la Rocca Farnese.

Una chicca di questo museo è il piattello matrimoniale di Pier Luigi Farnese e Gerolama Orsini trovati insieme ad altri oggetti di valore all’interno dei butti.
Questa caratteristica cittadina però, non dispone solo di opere artistiche all’interno della Rocca, ma anche per le strade del borgo; come ad esempio il portico del palazzo Comunale in cui non è difficile scorgere gli stemmi quattrocenteschi dei Farnese e di Martino IV Colonna, armi di Paolo III e uno staio in pietra.

Un'altra importante opera architettonica ridiede nella Colleggiata di San Giovanni Evangelista edificata nell’XII secolo ,dove sono custodite opere artistico di forte spessore come la tela settecentesca della Madonna del Rosario della scuola del Maratta o, ancora un affresco del XVI secolo raffigurante la Crocifissione.

Scroll to Top